Informazioni commerciali +39 0575 05077
  Assistenza telefonica +39 0575 0505

Joomla!: bonificare un'installazione compromessa

Quando si ha il sospetto di una intromissione o si rilevano file di dubbia provenienza o malevoli, è necessario procedere alla bonifica del CMS seguendo la guida sotto riportata.
Una volta accertata la compromissione è possibile scegliere tra due soluzioni per ristabilire la corretta funzionalità del sito:
  • Ripristinare una copia di backup pulita.
  • Eseguire le operazioni di bonifica nel caso in cui non si abbiano a disposizione i dati sopra indicati.
Di seguito sono riportati i passaggi da effettuare in ordine per ripristinare il sito nel caso in cui non si disponga di una copia del sito non compromessa:
  1. Operazioni preliminari:
    a. Controllare la VEL -Vulnerable Extensions List- al seguente indirizzo: https://vel.joomla.org/.
    b. Assicurarsi che non sia presente nessun componente in uso nella lista delle vulnerabilità (link sopra indicato). Nel caso si utilizzi uno di quei componenti, disinstallarlo e controllare che non sia rimasta traccia di file o tabelle nel MySQL relativi a tale componente.
    Il database MySQL utilizzato da Joomla è indicato all'interno del file configuration.php; per tutti i dettagli consultare la guida dedicata
    c. Assicurarsi che gli utenti di Joomla siano solo quelli definiti accedendo al pannello di amministrazione di Joomla.
    d. Verificare che ciascun file non-Joomla, cioè immagini, pdf, documenti, ecc… sia genuino e caricato dall'utente: se risultano file estranei procedere alla cancellazione.
  2. Se possibile accedere al back end di Joomla e annotare tutte le estensioni di terze parti e il tema in uso (dove con il termine "in uso" si intendono tema ed estensioni attive e realmente usate; se disattivate o mai usate non annotarle).
  3. Effettuare una copia di backup in locale dell'intero contenuto dello spazio web tramite client FTP: tale copia serve per recuperare il file configuration.php e tutti i file caricati esterni a Joomla: immagini, foto, pdf, documenti, ecc…
  4. Installare una nuova istanza di Joomla della stessa versione in uso con le estensioni di terze parti e lo stesso tema identificate al punto 1.
  5. Modificare il file configuration.php correggendo la seguente riga:
    public $db = ‘Sqlxxxxxxx_x’
    inserendo al posto di Sqlxxxxxxx_x il database usato nella precedente installazione: è possibile leggere tale dato nel backup effettuato al punto 2.
  6. Effettuare l'accesso al pannello di amministrazione di Joomla con le credenziali administrator della vecchia installazione, creare un nuovo utente administrator e cancellare quello vecchio in quanto potrebbe essere conosciuto dagli hacker.
    Durante la creazione del nuovo utente si consiglia di non usare nomi utente classici come: admin, administrator, webmaster, user, ecc...
    Si consiglia inoltre di usare una password complessa composta dal almeno 12 caratteri tra cui lettere maiuscole, minuscole, numeri e caratteri speciali. (esempio di caratteri speciali: £&%[email protected]#).
  7. Infine, caricare i soli contenuti aggiunti (immagini, foto, documenti, ecc…) scaricati in locale al punto 2; nel caso si rilevassero file con nomi insoliti o file sconosciuti non caricarli.
  8. Una volta ripristinato il sito, verificare il corretto funzionamento.
  9. Effettuare l'upgrade a Joomla 3.9.x scaricabile dal sito ufficiale.
  10. Effettuare un cambio della password dello username (del tipo [email protected]) utilizzando la procedura dedicata.
  11. Cambiare la password del database facendo riferimento alla presente guida.
  12. Successivamente al cambio password database è necessario modificare la password anche all'interno del file configuration.php di Joomla.
  13. È consigliabile effettuare un controllo del PC per assicurarsi che non vi siano Trojan, Keylogger, Malware.
 
Quanto è stata utile questa guida?
 

Non hai trovato quello che cerchi?

Contatta i nostri esperti, sono a tua disposizione.